Area Stampa > News
12/06/2017 - Notti d'estate al Teatro Antico di Catania
Inaugura Carmen Consoli con tre concerti; per la lirica arriva la Tosca di Puccini con Elena Rossi nel ruolo del titolo e l’Orchestra e il Coro del Teatro Massimo Bellini; per il jazz il Brass Group; e ancora i pianisti Gilda Buttà, Sofia Vasheruk, Mario Galeani, la Palermo Classica Symphony Orchestra diretta da Francisco Maestre e l’Orchestra a Plettro Città di Taormina. Prosa: tra i protagonisti gli attori Monica Guerritore, Gabriele Lavia, Giuseppe Pambieri, Michele Placido, Edoardo Siravo, Tuccio Musumeci. Un cartellone di ampio respiro per esaltare una skené millenaria, in cui gli stratificati ruderi greco romani si sovrappongono. “Notti d’estate al Teatro Antico di Catania” è la nuova stagione en plein air che invita il pubblico a percorrere i sinuosi ambulacri e prendere posto nell’accogliente cavea riallestita in sicurezza, mentre la luce lunare si specchia nell’acqua argentea che circonda l’orchestra. E veniamo ai dettagli del programma, frutto di prestigiosi contributi. L’offerta del Teatro Massimo Bellini parte dai tre megaconcerti di Carmen Consoli, la cantantessa che si esibirà con i solisti del Bellini (8, 9 e 10 giugno). Seguiranno due concerti sinfonici dedicati alle musiche da film che vedranno protagonista l’Orchestra del Massimo catanese: American Movies Tribute (2 luglio), omaggio alle colonne sonore delle pellicole hollywoodiane, direttore Carmen Failla, e Rapsodia satanica (9 luglio), una serata incentrata sulla proiezione dell’omonimo film muto di Nino Oxilla del 1917 e l’esecuzione dal vivo della colonna scritta da Pietro Mascagni; dirige Marcello Panni. Per la grande lirica arriva il sontuoso allestimento della pucciniana Tosca (28, 30 luglio, 1 agosto), direttore Valerio Galli, regia Renzo Giaccheri, con Elena Rossi (Tosca), Enrique Ferrer (Mario Cavaradossi), Orchestra e Coro del Teatro Massimo Bellini. Altrettanto corposo l’apporto di Taormina Arte con produzioni quasi tutte in esclusiva. Un nutrito blocco è dedicato alla prosa. Amleto figlio di Amleto (21 luglio), regia di Andrea Elodie Moretti, è una versione del capolavoro shakespeariano che trae origine da scambi creativi con gli attori delle parigine Bouffes du Nord e segue il filo narrativo della rilettura di Peter Brook. Il sogno di un uomo ridicolo (5 agosto) di Fëdor Dostoevskij rinnova lo storico connubio di Gabriele Lavia con Taormina Arte, intenso proprio come questa potente opera capace di scuotere anche gli animi più indifferenti poiché è proprio contro l’indifferenza che si batte. Dall’Inferno…all’Infinito (12 agosto), è scritto e diretto da Monica Guerritore: un viaggio letterario nell'animo umano compiuto attraverso le parole di grandi autori, che si sono interrogati sul senso dell'esistenza. Serata d'onore (20 agosto) è un recital di Michele Placido che vuole essere un dialogo tra artista e spettatori, attraverso poesie e monologhi di autori immortali. TaoArte propone anche interessanti appuntamenti musicali, come l’Orchestra a Plettro Città di Taormina (4 agosto), fiore all’occhiello della Perla dello Jonio, diretta da Antonino Pillitteri. Composta da mandolini, mandole, mandoloncelli, chitarre e contrabbassi, affronterà musiche di Mascagni, Gioviale, Falbo, Gulotta. Storie di mare (11 agosto) vedrà sul palco l’Orchestra a Fiati del Conservatorio “Corelli” di Messina, direttore Lorenzo Della Fonte, che ha scelto di raccontare il mare attraverso un programma vasto e sofisticato che spazia da Verdi a Rimskij-Korsakov, da Sousa a Williams. Dopo la pausa di Ferragosto si esibirà Gilda Buttà (17 agosto), la pianista prediletta di Ennio Morricone, che eseguirà brani di Gershwin e dello stesso Morricone, di cui ha inciso la colonna sonora del film La leggenda del pianista sull’oceano e altri capolavori, come Canone inverso, Love affair, Gli intoccabili. Palermo Classica Symphony Orchestra (18 agosto) si presenta con Francisco Maestre sul podio e Sofia Vasheruk, pianista solista per il celeberrimo e impervio Secondo concerto di Rachmaninov. Suggestioni al chiaro di Luna (24 agosto) è il recital del pianista Mario Galeani, il cui titolo richiama la celeberrima sonata di Beethoven, in programma accanto ai Notturni di Chopin e a pagine ultraromantiche di ascendenza lisztiana e wagneriana. Non poteva mancare un’incursione nella musica jazz affidata alla sapienza e creatività del Brass Group (22 luglio). Di rilievo è altresì la sezione specifica del cartellone intitolata “La commedia antica”, genere che trova ovviamente nei teatri di pietra lo spazio ideale delle origini. Tra i testi prescelti: Dyskolos di Menandro (dal 23 al 25 giugno) con Tuccio Musumeci, una coproduzione Teatro Stabile di Catania e Teatro della Città; Casina di Plauto (dal 14 al 16 luglio) con Giuseppe Pambieri e la figlia Micol, prodotta ancora dal Teatro della Città per la regia di Giuseppe Argirò; Il Ciclope (10 agosto), una produzione Teatro dei due Mari, che propone il dramma satiresco di Euripide nella traduzione e nell’adattamento di Filippo Amoroso, con Edoardo Siravo nel ruolo del titolo e la regia Angelo Campolo. Prevendita avviata: www.boxol.it; www.ctbox.it.