Area Stampa
10/07/2018 - L'Antigone il 12 agosto al Teatro Antico di Taormina
Antigone di Sofocle al Teatro Antico di Taormina il 12 agosto contributo della Fondazione Taormina Arte Sicilia al progetto Anfiteatro Sicilia, una produzione Argot, con un cast di eccezione Massimo Venturiello, che ne cura anche la regia, Giulia Sanna, Ludovica Bove, Stefano De Santis, Francesco Patané, Carla Cassola, Andrea Monno, Franco Silvestri, Andrea Colangelo, Angelo Tanzi, Giuseppe Spezia. Scene di Alessandro Chiti. Costumi di Helga Williams. Musiche di Germano Mazzocchetti. Dopo tanti secoli il conflitto tra Creonte e Antigone continua ad interrogare la coscienza degli uomini, opponendo alle ragioni e alla potenza dello Stato, quelle del cuore. E’ la grande forza politica del testo a renderlo sempre attuale: l’eterna lotta tra ribellione libertaria e potere tirannico, Pietas contro politica. è la rappresentazione della lotta mai arrivata a conclusione tra autorità e potere: un tema tuttora di costante attualità, purtroppo. Si pensi ai regimi totalitari in cui l’autorità è esercitata in maniera disumana. Accanto a questa tematica, un altro aspetto altrettanto significativo è quello del ruolo femminile nella società greca sintetizzato in una breve frase, più volte analizzata, pronunciata da Creonte: “L’uomo sarebbe lei e non io se restasse impunito questo gesto di forza”. In queste parole si coglie la concezione che la “Polis” ha della donna. Spetta all’uomo e non alla donna difendere le proprie azioni, non spetta a lei difendere i propri punti di vista e contrapporsi alle regole della società. Al modello di donna ideale, incarnato perfettamente in sua sorella Ismene, Antigone si contrappone (moderna eroina) mostrando che non c’è nulla che può o deve impedire il proprio pensiero e sua sarà la vittoria finale quando, dopo la sua morte e quella di tutti i suoi cari, il tiranno Creonte, rimasto solo, si troverà ad avere paura e a rispecchiarsi nella sua meschina rigidità. Ma qui si apre un capitolo a parte: il tema della dissidenza, della sfida all’autorità costituita. After the success of last year returns to the Villa of Casale Piazza Armerina Sounds and Lights, four magical evenings (10th, 18th, 24th, 31st August). Sounds and lights is a project that brings back the Roman villa to the original atmosphere with the presence of musicians inside the villa. The whole is made suggestive by an artistic illumination made especially for the event. Their program will be the harps of the Palazzolo Duo, the arches and the harpsichord of the baroque Ensemble of Messina, the Baroque music with the duo Ars Vetus and the final concert on Mozart music by the quintet Almeyda. The project is carried out with the collaboration of the Chamber Orchestra of Messina and the foundation of the Sicilian Symphony Orchestra.