Salomè prima nazionale il primo agosto

E vedo il santo scagliare una pietra contro la fanciulla che vorrebbe solo ascoltare il messaggio dell’impenetrabile profeta vestito di peli di cammello e che urla nel deserto… Ma non è ancora arrivato il Cristo della compassione, al quale Giovanni non è degno di sciogliere i legacci dei sandali, un Cristo che difende anche le prostitute e che sulla sua croce porterà tutti noi. (Quindi, per ora, Salomè verrà scacciata e offesa). Erodiade è l’incarnazione della Vendetta. Induce Salomè, con l’arte di una maga incantatrice, a chiedere la testa del Battista. Salomè è una pedina (inconsapevole della sua sensualità adolescenziale che turba Erode). Voglio ancora discostarmi da Wilde che la vede capace di uccidere autonomamente. E mi attrae di più la visione di Marco (quando nel Vangelo descrive un Erode Antipa che imprigiona Giovanni tenendolo in vita perché lo reputa un essere soprannaturale da temere), piuttosto che quella di Matteo (per lui Erode avrebbe voluto ucciderlo subito ma paventava l’insurrezione del popolo che considerava un profeta il Battista).

Erode è un codardo (anche se oggi qualcuno lo definirebbe un uomo d’onore), non sa tornare sui suoi passi, è un reggente che mantiene stupidi giuramenti e che dovrà per questo far decapitare Giovanni. E’ un fantoccio nelle mani di Erodiade. E’ un uomo moderno che non sa godere di ciò che ha: vive in un’elegante discarica tra oggetti che non lo abbandonano (quando li butta via gli tornano indietro). Veste con stole luccicanti, ha preziosi anelli al dito, è una sorta di pontefice ante litteram, il suo trono poggia in un regno di cianfrusaglie, di arnesi superflui, diavolerie che si moltiplicano quasi miracolosamente. Ogni giorno aggeggi nuovi, più sofisticati, cibi più elaborati in contenitori sempre più dorati, recipienti da smaltire, da sotterrare, da dimenticare. Persino la testa di Giovanni finirà in un vassoio d’argento. Mentre quel portavivande andrà ad incrementare l’immondezzaio degli errori, degli orrori. (Speriamo che Cristo arrivi presto ad eliminare i peccati del mondo).”