Grande appuntamento con l'Ensemble Archi della Scala diretti da Pellegrini

Gli interpreti, uniti dal loro comune intento di ricercare la perfezione espressiva, daranno luogo alla proposizione di composizioni di altissimo valore artistico anche se meno conosciute ed eseguite, e offriranno all'ascolto del pubblico una performance di assoluto rilievo. Verranno proposte per l’occasione: “Antiche Danze ed Arie” trascrizione libera per Orchestra d’Archi, ), “Italiana - Ignoto”, “Arie di corte – Besardo”, “Siciliana – Ignoto”, “Passacaglia – Lodovico Roncalli”. Ed ancora: “ Boccherini (sinfonia in re maggiore) - Allegro, Andante, Allegro assai”; Mozart –
Eine Kleine Nachtmusik, Serenata K 525, Allegro, Romanza, Minuetto, Rondò; Vivaldi – “Il cimento dell’armonia e dell’invenzione”, “Le Quattro Stagioni, La primavera, L’estate, L’autunno, L’inverno”. L'esecuzione in concerto di queste musiche offrirà dunque l'opportunità di ascoltare, oltre al repertorio per soli archi, gli autentici capolavori e le indelebili sonorità dei più celebrati musicisti di sempre. Oltre alla normale attività concertistica nazionale ed europea, l'Ensemble effettua spesso delle tournèe all’estero, la più importante delle quali si è svolta in Cina, e dove sono stati eseguiti ben otto concerti. Esibizioni che hanno riscosso particolare consenso di pubblico e di critica sono state accolte nelle città di Pechino, Shanghai, Xian, Hangchow e Canton.
L'eccezionalità dell'avvenimento ed il grande successo ottenuto, di mondiale evidenza, hanno confermato ulteriormente il prestigio di questo complesso, che ha esportato lontano dal vecchio continente la tradizione del Teatro alla Scala ed il talento di un eccelso gruppo di musicisti italiani
L'Ensemble sarà in tournée nei prossimi anni in America, Australia, Sud America, Giappone, Corea e Sud Africa.
Sul podio del concerto un’autorevolissima bacchetta: il direttore d’orchestra del concerto sarà Gaetano Cuccio Pellegrini, che in questi anni ha legato sempre di più il suo nome al rapporto con l’Orchestra “Archi della Scala” diventandone il principale direttore ospite, e con la quale ha realizzato significativi concerti tra cui quello per l’Intergruppo Parlamentare del Senato della Repubblica in occasione del Giubileo del 2000 e l’esecuzione del Requiem di Mozart in una tournée siciliana per il Circuito del Mito promossa dall’Assessorato Regionale per il Turismo Comunicazioni e Trasporti. E’ già stato, inoltre, responsabile della stagione sinfonica e produzioni esterne del Teatro Massimo di Palermo. Da seguire poi la performance del grande violinista Giovanni Angeleri. Padovano di nascita e formazione musicale, alle sue spalle ha una carriera concertistica che lo ha visto affermarsi in molti Concorsi internazionali: dal “Kreisler” di Vienna al “Lipizer”, dell'”Unisa” di Pretoria, al “Vaclav Huml” di Zagabria. Si è esibito davanti alle platee internazionali di Dubrovnik, Beloeil e Siviglia e i suoi concerti sono stati trasmessi in Germania, Gran Bretagna, Belgio, Sud Africa, Austria, Ucraina, Repubblica Ceca, Giappone, Canada.
Ha interpretato i massimi capolavori del repertorio per violino con orchestre di tutto il mondo fra cui: Wiener Simphoniker, oltre che con diverse orchestre italiane.
Angeleri è direttore dell' Orchestra delle Venezie, con la quale, nella duplice veste di solista e direttore, ha inciso le più importanti opere per violino e orchestra di Paganini, Sarasate, Wieniawski e Bazzini, per Amadeus, Velut Luna e per la giapponese King Records.