JAMES TAYLOR
L'11 LUGLIO


James Taylor, il più celebre dei “singersongwriter” che attaccarono il cliché del folksinger durante gli anni ’70, ha esordito a New York nella Flying Machine, le cui registrazioni del 1967 verranno raccolte su The Original Flying Machine (1971). La carriera di Taylor è sempre stata tormentata a causa dei suoi malanni, e le canzoni (che accompagna con la chitarra acustica traendo spunti dal jazz e dal rhythm and blues) riflettono le sue nevrosi interiori.
Dopo un primo album, “James Taylor” (Apple, 1969), di tenere ballate, nel quale spiccavano Carolina On My Mind e Something In The Way She Moves, si affermò con Sweet Baby James (Warner, 1970), dove la sua poliedrica impostazione vocale, la sua tecnica alla chitarra e il piano sentimentale di Carole King concorrono a cesellare le struggenti Sweet Baby James, Fire And Rain e Country Road.
Mud Slide Slim And The Blue Horizon (1971), che si avvaleva di John Hartford e Richard Greene, aveva ancora You Can Close Your Eyes e Long Ago And Far Away, ma non ebbe il successo che tutti si spettavano. Con “You’ve Got A Friend”, di King, conquistò la testa delle classifiche, e la sua fama aumentò dopo il chiacchierato matrimonio con Carly Simon, e il loro duetto in Mockinbird (1974). A partire da In The Pocket (1976), con Shower The People, Taylor venne ridefinendosi come interprete sofisticato di canzoni orchestrali, in particolare cover di rhythm and blues. La conversione all’easy listening gli fruttò un album di platino, JT (Columbia, 1977), con “Handy Man”. “Dad Loves His Work” (1981), “That’s Why I’m Here” (1985) e “Never Die Young” (1987) proseguirono la discesa in un pop raffinato. “New Moon Shine” (1991), lo riporta a qualche atmosfera da brivido (Copperline). Hourglass (1997) è anche più sofisticato, benché abbia ormai poco o nulla in comune con la scena folk o rock. Lo stile autunnale di questi dischi si sublima su October Road (2002), che sembra il testamento di un vecchio sul punto di morte (On the 4th of July) Greatest Hits (WB, 1976) raccoglie gli hits del periodo d’oro.



 
HOME PAGE
PROGRAMMA
GALLERY
SERVIZI
BIGLIETTERIA
ARCHIVIO
RASSEGNA STAMPA
NEWSLETTER
LINK

 

| HOME PAGE | PROGRAMMA | GALLERY | SERVIZI | BIGLIETTERIA | ARCHIVIO | RASSEGNA STAMPA | NEWSLETTER | TAORMINA BNL FILMFEST |