testa_musica.JPG (9834 byte)

direttore artistico
Gioacchino Lanza Tomasi


email.gif (1906 byte)

Fleurs

Voce Franco Battiato

voce recitante Manlio Sgalambro

Pianoforte Michele Fedrigotti

Nuovo Quartetto Italiano
Violino Alessandro Simoncini
Violoncello Luca Simoncini
Violino Luigi Mazza
Viola Dernetrio Comuzzi

Tastiere Angelo Privitera
Tecnico del suono Fabrizio Maggi
Produzione Marilla Simonini

P. Chajkovskij
M. Sgalambro
Quartetto in Si bemolle
Poesie
H. Jeffries
J. Plante
J'entends siffler le train
S. Endrigo Aria di neve
C. Aznavour Ed io tra di voi
S. Endrigo Te lo leggo negli occhi
S. Bardotti
D. Del Prete
J. Brel
La chanson des vieux amants
M. Jagger
K. Richard
Ruby Tuesday
F. De André La canzone dell'amore perduto
S. Di Giacomo
M. Costa
Era di Maggio
Bufalino
Trenet
Que reste-t-il de nos amours
F. De Andrè Amore che vieni amore che vai
F. Battiato Veni l'autunnu
La cura
Haiku
E' stato molto bello
Casta Diva
L'ombra della luce
Lode all'inviolato
E ti vengo a cercare
La stagione dell'amore
Mesopotamia
I treni di Tozeur
L'era del cinghiale bianco

L'incasso della serata sarà devoluto alla Croce Rossa Italiana, sezione femminile di Messina


MICHELE FEDRIGOTTI

Pianista, clavicembalista, compositore, didatta, svolge attività concertistica dedicandosi ad un repertorio molto ampio, dalla musica del sec. XIV alla produzione contemporanea.
Titolare della Cattedra di Pianoforte principale presso il Conservatorio di Lecce, è consulente per la direzione pedagogica presso l'Accademia Vivaldi di Locarno.
Ha collaborato, come solista ed in formazioni da camera, con numerosi enti italiani e stranieri (tra i quali ricordiamo il Teatro alla Scala, l’Angelicum, i Pomeriggi musicali, l’Umanitaria a Milano, il Teatro la Fenice di Venezia, il Festival dei Due Mondi di Spoleto, il Comunale di Bologna, il Teatro dell'Opera di Genova, il Teatro Regio di Parma, il Teatro Nazionale di Varsavia, l'Orchestra Nazionale della Moldavia, l'Orchestra Sinfonica della Radio e Televisione Rumena di Bucarest), e con artisti di varie discipline, tra cui Carfi, Nordio, Fracci, Aldini, Battiato, Alice, Ovadia, e compositori contemporanei (Abatangelo, Cacciapaglia, Chailly, Dionisi, Einaudi, Lorenzini, Galante, Morricone, Nidi, Nunez Allacua, Tutino).
E’ autore di un oratorio, Cristo e i Giudici, e di musiche per il teatro ed il cinema.


FRANCO BATTIATO

battiato.jpg (9234 byte) E' nato cinquanta anni fa a Riposto, vicino a Catania. Nel 1964 Franco Battiato si trasferì a Milano per fare fortuna con le sue canzoni. I suoi primi album degli anni '70, Fetus e Pollution, usciti con l'etichetta Bla-Bla di Pino Massara, sono evocativi pastiches musicali. Fu sedotto dall'ideologia di John Cage e strinse amicizia con Karlheinz Stockhausen. Musicista intuitivo, ma non ancora molto esperto tecnicamente, Battiato produsse altri lavori consistenti e di grande portata come Sulle corde di Arias, Clic e Mademoiselle la gladiator.

La sua ricerca più ostinata e gli esperimenti appartengono alla seconda metà degli anni '70, pubblicati con molta più audacia con l'etichetta Ricordi. Allo stesso tempo, Franco Battiato stava spendendo molto dei suo tempo leggendo libri, studiando musica e lavorando con Giusto Pio, il suo insegnante di violino. Il suo interesse per canzoni serie ed ironiche, ricche di ricordi dell'adolescenza e misticismo, riaffiorò, la sua iniziazione spirituale sempre più influenzata da dottrine orientali stava procedendo. Album come L'era del cinghiale bianco, Patriots, La voce del padrone e L’arca di Noè lo stavano proiettando verso un successo da rockstar; le vendite andarono alle stelle.


Per controbilanciare una fortuna così grande, Battiato si dedicò sempre di più ai suoi miti divini e agli studi sugli aspetti dell'interiorità attraverso Gurdjieff e le antiche Dottrine Sufi. Egli aprì inoltre una casa editrice specializzata in libri esoterici, L'Ottava. La sua prima opera, Genesi, fu pubblicata nel 1987, e da allora diede vita ad una doppia carriera, quella di musicista pop da una parte e di serio compositore che utilizza entusiasmi pop per creare opere, messe e canzoni, dall'altra.


La sua seconda opera fu Gilgamesh. Altri album importanti per Emiztra, uscita tra gli ultimi anni '80 e i primi anni '90, sono Fisiognomica, Giubbe rosse, Come un cammello in una grondaia, Café de la Paix, ma anche una sua performance di facile ascolto di quattro romantici brani di Beethoven, Brahms, Wagner e Martin Berlioz. Nel 1995 Battiato cominciò una fruttuosa collaborazione con il filosofo Manlio Sgalambro, che stava scrivendo testi per il dramma Il cavaliere dell'intelletto, dedicato a Federico II. Insieme composero anche un album, L'ombrello e la macchina da cucire. Nel 1996 firmò con la PolyGram un nuovo accordo e una svolta nella sua carriera. L'imboscata, il nuovo album ricco di chitarre irreali, è uscito in Italia il 24 settembre 1996, vendendo finora 230.000 copie. L'Imboscata è rimasto per venti settimane nella classifica degli album italiani raggiungendo la seconda posizione. Un tour italiano tutto esaurito ha seguito l'uscita de L'Imboscata. L’album contiene grandi successi come Strani Giorni e La cura, che è stata votata Miglior Canzone dell'Anno 1996 dal Premio Italiano per la Musica, PIM.

NUOVO QUARTETTO ITALIANO

Alessandro Simoncini - violino
Luigi Mazza - violino
Demetrio Comuzzi - viola
Luca Simoncini - violoncello







Eredi della grande tradizione quartettistica italiana, i musicisti del Nuovo Quartetto Italiano costituiscono l'ideale continuazione artistica e strumentale del celeberrimo Quartetto Italiano. Sin dal debutto a Cremona nel 1982, il quartetto (conosciuto fino al 1996 con il nome di Giovane Quartetto Italiano) ha raccolto i consensi unanimi della critica di tutto il mondo, riscuotendo un tale successo da essere riconosciuto come uno dei migliori complessi cameristici del panorama internazionale.
Nel 1985, in occasione della sua prima tournée negli Stati Uniti, il Nuovo Quartetto Italiano venne scelto come rappresentante dell’Italia al festival americano 1taly on Stage", esibendosi al Lincoin Center di New York. L’attività del Quartetto si allarga in seguito alle più importanti istituzioni musicali europee, ottenendo nel 1988 un ulteriore autorevole riconoscimento: l'invito di Sviatoslav Richter ad esibirsi nella Sala del Conservatorio di Mosca.
In seguito a questa prestigiosa opportunità il Quartetto, oltre a conseguire uno straordinario successo, ha iniziato una collaborazione artistica con il Quartetto Borodin, insieme al quale si è esibito in tutta Europa in formazione di ottetto.
Dal 1990 il Nuovo Quartetto Italiano suona abitualmente a Tokyo, Osaka ed è presente nelle maggiori sale concertistiche di tutto il Giappone. Apprezzate e ripetute le numerose tournée internazionali in Francia, Svezia, Svizzera, Germania e Stati Uniti.
Il gruppo vanta significativi inviti: nel 1996 per un concerto al Palazzo delle Nazioni Unite a New York, quindi a Madrid al Palazzo Reale, per un concerto privato in onore della Regina di Spagna; sempre a Madrid si è esibito nel 1988 al Teatro Real in occasione della cerimonia del premio giornalistico "S. De Madriaga", presieduto dall'Infanta Cristina di Spagna; nell'aprile 1999 l'invito del Consolato Generale d'Italia e dell'italian Trade Commission a tenere un esclusivo concerto ad Hong Kong per la "Asian Pacific Leather Fair" che ha visto l'afflusso di più di 600 aziende italiane esportatrici. Tra gli impegni previsti fino al 2001: vari concerti nelle principali istituzioni concertistiche italiane ed importanti tournée in Nord Europa, Spagna, Brasile, Stati Uniti, Giappone ed Estremo Oriente. Le incisioni discografiche del Nuovo Quartetto Italiano hanno già raccolto i più lusinghieri riconoscimenti dalla stampa specializzata: Choc de la Musique, Diapason, Stella d'oro, Grand Prix du Disque ecc., grazie alle interpretazioni dei quartetti di Haydn, Mendelsshon, Verdi, Puccini, Martucci per l'etichetta Claves. Ultima nel giugno 1997, l'uscita delle registrazioni dei quartetti di Rota, Respighi e Malipiero, segno della volontà dei quattro musicisti di dare nuova vita alla musica cameristica italiana del Novecento. Numerose le presenze radiofoniche in tutta Europa, grazie alle registrazioni ed interviste effettuate dal vivo in Spagna, Germania, Francia, Inghilterra e Svizzera, che collocano il Nuovo Quartetto Italiano tra i più raffinati modelli musicali nel mondo.
back.jpg (4935 byte)