testa_cinema.JPG (9987 byte)

TaorminaFilmFest 99

 

PHILIP MORRIS
PROGETTO CINEMA


email.GIF (1906 byte)

L’associazione Philip Morris Progetto Cinema nasce nel 1991 con l’intento di promuovere le potenzialità creative, le capacità imprenditoriali e lo straordinario patrimonio storico del cinema italiano, avvalendosi stabilmente della collaborazione di importanti personalità coordinate da Alessandra Giusti, responsabile esecutivo dell’Associazione e presidente del Comitato direttivo, composto dal produttore Vittorio Cecchi Gori, dal regista Giuseppe Tornatore, dallo storico del cinema Lino Miccichè e dal direttore della fotografia Giuseppe Rotunno, che contribuiscono con la loro competenza e il loro impegno alla definizione e alla realizzazione dei programmi di attività. In particolar modo, l’Associazione ha operato per la valorizzazione del cinema come grande spettacolo con le due edizioni del Premio critica e pubblico per un nuovo cinema italiano, assegnato nel 1991 al film "Volere Volare" di Maurizio Nichetti e nel 1992 a "Johnny Stecchino" di Roberto Benigni; e le due edizioni del Premio Cinema al Cinema istituito per favorire il rinnovo delle sale cinematografiche nelle realtà decentrate.

Una fondamentale importanza riveste inoltre il rpogramma basato sul restauro dei capolavori del cinema italiano, un’attività che l’Associazione Philip Morris Progetto Cinema ha avviato a partire dal 1992, nella consapevolezza che la riproposta di un grande film al pubblico contemporaneo consenta al tempo stesso di riflettere sulla storia e di rivivere le emozioni della nostra memoria collettiva. In collaborazione con le più importanti istituzioni cinetecarie del nostro paese, facendo ricorso ai migliori specialisti del settore e alle più sofisticate tecniche di laboratorio, l’Associazione Philip Morris Progetto Cinema ha dunque consentito di riportare a nuova vita e di rivedere nelle condizioni volute dagli autori opere indimenticabili come "La signora dalle Camelie", una delle più affascinanti interpretazioni di Francesca Bertini, restaurato nel 1992 in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema di Torino; "La terra trema" di Luchino Visconti e "Sciuscià" che fece vincere a Vittorio De Sica il primo Oscar italiano, restaurati rispettivamente nel 1993 e nel 1994, in collaborazione con il Centro sperimentale di cinematografia – Cineteca nazionale; ancora nel 1995, in collaborazione con il Museo nazionale del cinema di Torino, "Il cappotto" di Alberto Lattuada. Nel 1997, in collaborazione con il Centro sperimentale di cinematografia – Cineteca nazionale ha restaurato "Il bell’Antonio" di Mauro Bolognini e nel gennaio del 1998 "Signore e signori" di Pietro Germi.

Quest’anno l’Associazione Philip Morris Progetto Cinema, in collaborazione con la Titanus di Goffredo Lombardo e la Fondazione Scuola di Cinema – Cineteca nazionale, ha restaurato "Io la conoscevo bene" di Antonio Pietrangeli che adesso viene presentato quale vero evento a TaorminaFilmFest 99. Ospite la protagonista del capolavoro di Pietrangeli, Stefania Sandrelli.

stefania.jpg (16645 byte)
Stefania Sandrelli ospite del festival
back.jpg (4935 byte)

Contatore